Home / Il Progetto NPV1955

Il Progetto NPV1955

22maggio2009
Il progetto NPV1955 si prefigge l’obbiettivo di riportare a Vigevano quel movimento di interesse e passione che da quasi 60 anni lega indissolubilmente i vigevanesi allo sport della pallacanestro.

Legame che è passato nella storia attraverso il “Gruppo Sportivo Oberdan” (prima realtà agonistica di Vigevano), poi trasformatosi negli anni in “Pallacanestro Vigevano” prima e in “Nuova Pallacanestro Vigevano” dopo.

Purtroppo quest’ultima realtà ha di fatto cessato la propria attività agonistica nella Stagione Sportiva 2009/2010, proprio quando aveva raggiunto la vetta del Campionato professionistico di LegAdue.
Questo sofferto epilogo, ha lasciato migliaia di tifosi nello sconforto di aver perso qualcosa di più di una semplice squadra di basket.

Essere un tifoso della Pallacanestro Vigevano, infatti, non significa semplicemente “vestirsi di gialloblù per andare a vedere una partita

Per la nostra generazione, per quella che ci ha preceduto e per quella che ci segue, ha da sempre rappresentato un vero e proprio punto fermo della propria vita.
Un appuntamento immancabile nella propria settimana, il momento in cui si gettavano alle spalle le scorie e le preoccupazioni del lavoro o dello studio, per trascorre 2-3 ore insieme ad amici, conoscenti o perfetti sconosciuti.
Tutti insieme, cantando, battendo le mani, gioendo e piangendo.

Nell’estate 2012, dagli ULTRAS VIGEVANO ’07 è partita l’idea di ritornare a provare quelle emozioni.
Non si poteva restare un altro anno senza una Squadra per la quale tifare, cantare, soffrire e gioire.
A prescindere dalla categoria, a prescindere dal Campionato o dal nome dei giocatori per cui fare il tifo.

Ed è proprio in quest’ottica che gli ULTRAS VIGEVANO ’07 hanno avuto il piacere di entrare in contatto con una delle storiche realtà cestistiche vigevanesi, il NUOVO BASKET VIGEVANO, che è attivo nell’ambiente dal 1983.

Questa Società ha, da subito, condiviso con entusiasmo il desiderio degli ULTRAS VIGEVANO, dando la propria disponibilità ad unire le forze per dare nuovamente una possibilità ai vigevanesi di sfogare e manifestare la propria passione.

Questo progetto ha preso il nome di:
NUOVO BASKET VIGEVANO 1955”.
Un nome che racchiudeva in sé l’identità della Società che rappresentava la struttura portante di questa iniziativa, unito alla continuità della tradizione di una delle tifoserie più calde d’Italia che, dal 1955, vive, canta e lotta per la Squadra di basket della sua Città.

Anche sui campi della PRIMA DIVISIONE, il Campionato che la Squadra del “NUOVO BASKET VIGEVANO 1955” ha disputato nella scorsa Stagione Sportiva.

L’obbiettivo principale di questo progetto era quello di dare uno stimolo ad un possibile futuro ritorno di Vigevano nel cosiddetto “basket che conta” e, soprattutto, di riportare la gente al PalaBasletta, dandogli nuovamente un luogo di aggregazione sociale nel quale incontrare gli amici di sempre e divertirsi, lasciando alle proprie spalle per qualche ora lo stress e le problematiche della vita.

Per quanto riguarda questo obbiettivo, crediamo che si possa considerare abbondantemente raggiunto con successo.

Sia sulla base dell’attenzione suscitata durante tutto l’arco del Campionato (con una media di 250 spettatori a partita) che, soprattutto, in funzione dello straordinario epilogo nella Semifinale Playoff, contro l’Accademia Pavia (Squadra satellite degli storici rivali della Pallacanestro Pavia).
E’ ancora negli occhi di tutti, infatti, il PalaBaslettarovente” come qualche anno fa e quegli oltre 850 tifosi che sarebbero stati esagerati (per numeri e per calore) anche in parecchie Categorie al di sopra della Prima Divisione.

Un avvenimento che, non a caso, ha trovato posto anche sulla Stampa sportiva nazionale e persino presso quei media che fino ad allora ci avevano un po’ snobbati.

Trattandosi, però, di “un progetto aperto”, i protagonisti di questa bella favola si sono da subito dichiarati disponibili all’ingresso di chiunque avesse avuto idee ed intenzioni concrete rivolte alla crescita del progetto stesso  ed all’accelerazione del percorso di ritorno di Vigevano ad altitudini più consone al proprio blasone.

In questo contesto, a ridosso dei Playoff, si è trovata un’ottima intesa con la Dirigenza della CAT BASKET TEAM VIGEVANO (storico Settore Giovanile, anche per la Pallacanestro Vigevano) che ha proposto di unire le forze (coinvolgendo eventualmente anche altre Società) al fine di non disperdere l’ottimo lavoro fin lì svolto ma, bensì, di amplificarlo il più possibile, commisuratamente alle possibilità che il nostro Territorio fornisce al momento.

Ci sono stati, come è giusto che sia, una serie di incontri e di confronti di idee, al termine dei quali si è trovato un percorso comune che ha portato alla evoluzione del progetto iniziale che prenderà così il nome di “NUOVA PALLACANESTRO VIGEVANO 1955”.

Un nome che, senza ombra di dubbio, non potrà lasciare indifferenti gli appassionati di basket cittadino.

I colori sociali, ovviamente, saranno il GIALLO ed il BLU e lo stemma societario sarà uguale a quello utilizzato nella stagione di Prima Divisione, con la semplice modifica della parola “NUOVA PALLACANESTRO”.

Al fianco di questa Squadra che, comprensibilmente, sarà il fulcro del progetto, ci sarà un’altra Squadra.

Quella del NUOVO BASKET VIGEVANO (che disputerà il Campionato di Prima Divisione).
Oltre, ovviamente, alle Squadre giovanili previste dal regolamento (con denominazione NUOVA PALLACANESTRO VIGEVANO 1955) ed a tutto il vasto Settore Giovanile della CAT BASKET TEAM VIGEVANO e della VIRTUS BASKET MORTARA.

La presenza di 2 Squadre in 2 differenti Campionati, inoltre, permetterà alla CAT BASKET TEAM VIGEVANO di offrire ai propri giovani giocatori un valido sbocco nei Campionati Senior al termine del loro percorso formativo nelle Giovanili.
Uno sbocco, ovviamente, commisurato alle qualità e alle capacità del singolo giocatore.

Nasce, quindi, un vero e proprio “Consorzio” di Società Sportive, con l’obbiettivo di creare a Vigevano e nei Comuni limitrofi un importante movimento cestistico che riporti la tradizionale passione locale su palcoscenici più consoni ad una storia lunga quasi 60 anni.